Home > Webzine > Caffè Letterario Le Murate: incontro con Franco Marucci e concerto dei Barrio Porteño
domenica 25 ottobre 2020

Caffè Letterario Le Murate: incontro con Franco Marucci e concerto dei Barrio Porteño

17-09-2020
Giovedì 17 Settembre alle ore 18.30 presso il Caffè Letterario Le Murate di Firenze (Piazza delle Murate) si terrà la presentazione del libro "L'occhio del diavolo. Agoni, smarrimenti, riscatti nel cinema di Ingmar Bergman" di Franco Marucci.

Il testo è un film bergmaniano, raffinata variazione ricamata originalmente sulle trame dei due principali e più rivisitati miti occidentali, quelli di Faust e di Don Giovanni. Ma il titolo di questo libro riassume in un esergo fantasioso un filo conduttore che percorre tutta la filmografia del regista. Dalle sue radici luterane Bergman indaga infatti l'agone tra divino e diabolico nella vita umana lasciando all'uomo, sempre preda delle sue allucinazioni e dei suoi smarrimenti, poche possibilità di riscatto. Sennonché il "diavolo" è in fondo Bergman stesso, che con il suo occhio scruta questi agoni "come in uno specchio", uno specchio nebuloso, offuscato, distorto.

Franco Marucci ha insegnato Letteratura inglese principalmente nell’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove è stato professore ordinario per un venticinquennio. Gli otto volumi della sua Storia della letteratura inglese sono stati pubblicati da Le Lettere, Firenze, 2003-2017, e sono disponibili anche in traduzione integrale inglese (Peter Lang, Oxford, 2018-2019). Anglista dalla vasta produzione, è interessato da sempre ai rapporti tra letteratura e arti e ha scritto sulla filmografia completa di Michelangelo Antonioni e su Luchino Visconti, Federico Fellini, Stanley Kubrick, Woody Allen e altri registi.

A seguire, alle ore 21.30 il concerto dei "Barrio Porteño". Gigi Cardigliano alla voce e chitarra, Modestino Musico alla fisarmonica, Gabriele Pozzolini alle percussioni e Michele Staino al contrabbasso. La poesia di Violeta Parra e Atahualpa Yupanqui, il calore di Cumpay Segundo, l’energia di Juan Manuel Serrat e Carlos Càceres, in un vortice latinoamericano che passa dal candombe alla rumba, dal son alla milonga.

Gigi Cardigliano è l’anima di questo progetto. Cantore dalle mille vite, musicista, operaio, attivista politico, amante del mare e della barca a vela raccoglie e assorbe nel suoi viaggiare vari linguaggi musicali.
Dalle case di calce del Salento, suo luogo natio, ai quartieri di Siviglia e Buenos Aires porta in scena canti di lavoro, di festa, d’amore e di protesta.
Ad accompagnarlo le percussioni di Gabriele Pozzolini e Modestino Musico, musicisti della Baro Drom Orkestar con varie collaborazioni all’attivo (Ginevra di Marco, Goran Kovacevic, Aureliano Marìn, Nicola Piovani …)

Durante la proiezione sarà possibile usufruire del servizio bar e ristorante.

Tutto a ingresso libero, nel rispetto della normativa anti-covid: raggiunta la capienza massima consentita, non si potrà entrare finché qualcuno non sarà definitivamente uscito (ingressi contingentati); per questo è consigliabile la prenotazione allo 055 234 6872.

Per ulteriori informazioni e programma: www.lemurate.it

C.D.B.