Home > Webzine > La Porta degli uomini
venerdì 22 novembre 2019

La Porta degli uomini

10-11-2008
Presentata a San Casciano, nel giardino di Santa Chiara d’Assisi, nei pressi dei giardini pubblici del Piazzone (piazza della Repubblica) La porta degli uomini – la porta degli dei di Giuseppe Lorenzi. Un’opera d’arte contemporanea promossa dal Comune di San Casciano e finanziata da Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Il lavoro è connotato da una particolare vocazione sociale: essere letto da chiunque voglia instaurare una relazione con l’opera d’arte ed in particolare dai portatori di disabilità visiva, non vedenti e ipovedenti. Un’opera dunque da toccare che si aggiunge ad un patrimonio artistico già ricco di forme d’arte contemporanea integrate con il territorio quali il cervo di Mario Merz, la rotatoria di Mauro Staccioli, l’elefante di Perino e Vele, la Torre dell’acqua di Antony Gormley. La porta degli uomini – la porta degli dei è una stele in travertino alta circa due metri e mezzo, scolpita sul fronte e sul retro della lastra. Dal bassorilievo affiorano tratti, segni, linee, ideogrammi dentro ai quali si nascondono immagini semifigurative, contenuti allegorici, simboli legati alle più disparate culture del mondo. La porta rappresenta i solstizi d’estate e d’inverno e si ispira ai corrispettivi divini dell’antica Grecia: Demetra e Giano bifronte. Figure che Lorenzi, studioso di culture rupestri e dottrine cosmogoniche, stilizza e mescola ad altre simbologie, ad altri temi archetipici di origine cinese, africana, celtica.